Porta Elisa News

Segnali positivi da Vercelli, ma a questa Lucchese manca fisicità

lunedì, 12 ottobre 2020, 17:47

di diego checchi

Non drammatizzare ma vedere quello che non ha funzionato e far proprio quello che invece ha funzionato. Da domani la Lucchese inizierà a preparare la sfida con il Como, una squadra che sulla carta è una delle candidate quanto meno alla zona play off ma che viene da una brutta sconfitta nel derby contro il Lecco e quindi che avrà tanta voglia di riscatto. Ma che cosa deve fare Monaco per iniziare a far punti? Continuare su questa strada, insistere nel far crescere i giovani e capire dove bisogna migliorare e quali errori sono stati fatti e che non dovranno più essere ripetuti. E' vero, la squadra ieri contro la Pro Vercelli, nonostante la sconfitta per 2-1, ha dato segnali di miglioramento e avrebbe potuto anche pareggiare la partita e non subire il 2-0. Il gol di Signori ha dato la sveglia ma ormai era il novantesimo.

Una cosa va detta: a questa squadra manca fisicità soprattutto a centrocampo. Questo è il dato più lampante che possiamo affermare. Con tutto il rispetto per i centrocampisti in rosa, manca proprio un giocatore di livello muscolare che possa fare da diga alla difesa. Kosovan, Meucci e Fazzi se prendiamo la partita di ieri, sono giocatori tecnicamente validi ma poco inclini alla fase difensiva. Il solo Meucci è un pò più incontrista degli altri due. Insomma sì questa squadra anche quando in campo c'è Cruciani non ha un mediano di rottura che possa andare anche alla caccia della seconda palla e possa anche qualche volta dare, bonariamente, una scarpata per interrompere il gioco.

Riguardo al modulo e cioè il 3-5-2 o 5-3-2 in fase di non possesso, bisogna dire che adesso come adesso forse è quello più adatto alle esigenze della Lucchese, perchè prima di tutto bisogna non prenderle e poi andare a fare gol. Siamo d'accordo con il diesse Deoma quando dice che sta vedendo lo stesso film delle prime giornate dello scorso anno con un unica differenza, la categoria ed il fatto che quella della Lucchese era una rosa che piano piano sarebbe venuta fuori avendo sofferto più del dovuto per una partenza di preparazione in ritardo rispetto a tutte le altre squadre, cosa che quest'anno non è accaduta. Adesso lo staff deve esser bravo a far calare il più presto possibile i giovani nella nuova categoria e bisogna anche essere sinceri: la Lucchese adesso come adesso deve porsi solo un obbiettivo.

Pensare a salvarsi e poi semmai dopo aver raggiunto questo traguardo nelle partite restanti, pensare a divertirsi, perchè parliamoci chiaro, il campionato è difficile e livellato verso l'alto. Il mercato degli svincolati: Non sappiamo se Deoma, Russo, Santoro e Vichi hanno il nostro stesso pensiero ma a nostro avviso manca qualcosa a centrocampo e su questo ci siamo già espressi in precedenza. Ecco perchè non resta che attingere a mercato degli svincolati. Fare dei nomi adesso sarebbe ingeneroso e ingiusto ma chissà che nei prossimi giorni non ci possa essere qualche sorpresa. C'è chi parla di un centrocampista under ben strutturato, ma al momento sono solo indiscrezioni. Certo è che sulla linea mediana crediamo che ci sia bisogno di intervenire.    



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


sabato, 6 marzo 2021, 12:38

Arriverà mai la svolta?

Alla vigilia del match casalingo con il Pontedera, la Lucchese si trova ancora una volta a caccia dei tre punti che mancano ormai da tempo e che sono indispensabili per alimentare le speranze salvezza: mister Lopez intenzionato a rilanciare dal primo minuto Zennaro. La probabile formazione


venerdì, 5 marzo 2021, 15:25

Zennaro torna titolare?

Nella gara interna contro il Pontedera, il centrocampista potrebbe ritrovare una maglia da titolare, mentre in difesa vanno capite le condizioni di Panariello, che difficilmente rientrerà, con quattro giocatori che si giocano tre posti



venerdì, 5 marzo 2021, 13:09

Pontedera, una formula di sicuro successo

La vittoria contro la Pistoiese ha portato i granata a quota 41 punti e ormai la salvezza è stata conquistata: è chiaro che i granata mirano ad ottenere un posto nei playoff potendo ancora migliorare la propria classifica e, per l'ennesima volta, dare vita a un campionato importante


giovedì, 4 marzo 2021, 16:54

E se la svolta arrivasse dall'utilizzo di un diverso modulo?

In certi frangenti della partita perché non passare ad un 4-3-3 con due ali larghe ed una punta centrale in grado di creare la superiorità numerica sugli esterni? Osare di più non vuol dire andare allo sbaraglio ma solo cercare soluzioni alternative per essere più imprevedibili e pericolosi, perché la...