Porta Elisa News

Le pagelle di Pro Sesto-Lucchese

domenica, 15 novembre 2020, 21:56

Coletta: ci eravamo abituati a vederlo raccogliere sconsolato palloni in fondo alla rete; torna se stesso e non sbaglia niente, compiendo almeno tre parate prodigiose. 8

Benassi: occupa il centro destra della difesa a tre, proprio dove la Pro Sesto riesce ad attaccare in modo più pericoloso; se la cava con l'esperienza e il senso della posizione. 6

Dumancic: presenza fisica imperiosa, gioca un tempo restando ordinato e lanciando spesso sugli avanti quando il pressing degli avversari impedisce di ripartire in modo pulito. 6

dal 46' Ceesay: entra nel secondo tempo e va a fare la mezz'ala sinistra aumentando il ritmo del centrocampo; imperioso, il telecronista "ultras della Pro Sesto" di Eleven Sports lo vorrebbe espulso prima per un intervento pulito a metà campo, poi perché ferma il pallone con le mani dopo che l'arbitro non ha fischiato un fallo grande come una casa su di lui partito in contropiede. 6,5

De Vito: leader morale e simbolo della continuità storica della Lucchese, incarna con la sua volontà la rinascita rossonera impedendo più volte gol già fatti agli attaccanti biancocelesti, poi viene sovrastato di testa da Mutton sul gol del pareggio; sprona e motiva i compagni nei momenti difficili della partita. 7,5

Panati: schierato esterno a tutta fascia, dalle sue parti agisce l'ispiratissimo Scapuzzi e fa una fatica tremenda a contenerlo; spesso impreciso, spreca malamente un contropiede in superiorità numerica calciando da posizione improbabile invece di servire un compagno. Comunque sufficiente viste le assenze e un ruolo non propriamente suo. 6

Adamoli: parte esterno ed i suoi strappi creano sovente scompiglio nella difesa dei padroni di casa, ma non è mai lucido quando è il momento di trasformare le sue folate in qualcosa di concreto; nel secondo tempo passa centrale e se la cava. 6

Caccetta: condizione fisica precaria, gioca in un fazzoletto però fa la differenza; si vede che è di altra categoria, sa sempre quale è la cosa giusta da fare; quando crolla la squadra finisce ai paletti. 6,5

dal 86' Signori: dieci minuti al posto di Caccetta, troppo poco per giudicarne la prova. s.v.

Sbrissa: buon esordio, con lui e Caccetta il centrocampo rossonero cambia faccia; lotta novanta minuti malgrado non giocasse da tempo, aiuta Panati sulla destra ma si vede poco nello sviluppo del gioco offensivo. 6,5

Kosovan: la sua attenzione si accende a corrente alternata, ma è il più intraprendente dei centrocampisti di Lopez; perde qualche pallone ma lotta sempre per recuperarlo, nella ripresa passa esterno a sinistra e con una brillante iniziativa propizia il gol di Nannelli. 6,5

Nannelli: fuori ruolo come seconda punta, corre tanto ma all'inizio è palesemente spaesato; si fa trovare al posto giusto nel momento giusto per il gol e prende coraggio, divenendo più intraprendente prima di essere sostituito. Ha le qualità e il fisico per esprimersi meglio anche in questa posizione. 6

dal 75' Scalzi: entra subito in partita e con qualche spunto personale alleggerisce la pressione avversaria. 6

Bianchi: movenze da punta brasiliana, sembra avere numeri notevoli, ma la squadra comprensibilmente non è ancora in grado di valorizzare il suo potenziale creando occasioni pulite; diversi spunti interessanti e imprevedibili mandano in ambasce la retroguardia della Pro Sesto, ma è fumo. 6

dal 82' Molinaro: entra con la Lucchese ai paletti e non si vede mai; non è il caso di giudicarlo per questa partita, ma vista l'esperienza in Serie C ci si aspetta che prima o poi mostri qualcosa di interessante. s.v.







caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


sabato, 6 marzo 2021, 12:38

Arriverà mai la svolta?

Alla vigilia del match casalingo con il Pontedera, la Lucchese si trova ancora una volta a caccia dei tre punti che mancano ormai da tempo e che sono indispensabili per alimentare le speranze salvezza: mister Lopez intenzionato a rilanciare dal primo minuto Zennaro. La probabile formazione


venerdì, 5 marzo 2021, 15:25

Zennaro torna titolare?

Nella gara interna contro il Pontedera, il centrocampista potrebbe ritrovare una maglia da titolare, mentre in difesa vanno capite le condizioni di Panariello, che difficilmente rientrerà, con quattro giocatori che si giocano tre posti



venerdì, 5 marzo 2021, 13:09

Pontedera, una formula di sicuro successo

La vittoria contro la Pistoiese ha portato i granata a quota 41 punti e ormai la salvezza è stata conquistata: è chiaro che i granata mirano ad ottenere un posto nei playoff potendo ancora migliorare la propria classifica e, per l'ennesima volta, dare vita a un campionato importante


giovedì, 4 marzo 2021, 16:54

E se la svolta arrivasse dall'utilizzo di un diverso modulo?

In certi frangenti della partita perché non passare ad un 4-3-3 con due ali larghe ed una punta centrale in grado di creare la superiorità numerica sugli esterni? Osare di più non vuol dire andare allo sbaraglio ma solo cercare soluzioni alternative per essere più imprevedibili e pericolosi, perché la...