Porta Elisa News

Santoro: "Per quanto mi riguarda, la Lucchese non è in vendita, a meno che..."

venerdì, 4 dicembre 2020, 11:14

di fabrizio vincenti

Giorni intensi in casa rossonera: accanto a una classifica deficitaria, largamente deficitaria al netto della vittoria di Pontedera, dell'emergenza Covid, con i tanti contagiati, nelle ultime ore si sono aggiunte le incertezze, secondo quanto riportato da alcuni organi di informazione, sul futuro della società: dietro l'angolo c'è ua cessione, magari a soggetti stranieri?, si chiedono in molti. E lo stadio: a che punto è il progetto per il rifacimento? Tutte questioni che abbiamo girato al direttore generale Mario Santoro. 

A che punto è l'iter per il nuovo Porta Elisa: si legge di intoppi e ritardi?

"Sta procedendo tutto secondo i tempi previsti: come tutti sanno, abbiamo presentato il nostro progetto in Comune. Il prossimo passo è la convocazione della Conferenza dei Servizi che dovrà dare il suo parere circa la fattibilità. Poi, se tutto andrà bene, sarà il momento del bando pubblico per l'assegnazione. Non abbiamo una idea precisa di quando sarà convocata la conferenza".

L'amministratore delegato Vichi, a Pontedera, ha ipotizzato a breve.

"Se lo ha detto lui, non ho nessuna intenzione di andare contro a quello che dice il mio amministratore delegato".

Siete ottimisti sull'iter?

"Siamo ottimisti: si è fatto quello che da molte altre parti non si è riuscito a fare: quello che dovevamo fare noi, lo abbiamo fatto. Attendiamo gli organi preposti".

Accanto alla questione stadio in questi giorni ha tenuto banco l'ipotesi di cessione della società, forse a soggetti esteri non bene identificati, per il momento.

"La Lucchese fa gola a molti, è diverso rispetto al passato quando sostanzialmente si compravano debiti. Per quanto mi riguarda, la società non è in vendita, ma è ormale che si ascolti tutti. Se poi domani si facesse vivo il presidente del Monza Silvio Berlusconi e ci chiedesse la Lucchese, gli daremmo la società. Sempre per i bene del club, per noi la Lucchese è prima di tutto della città".

Venite da un momento complicato anche sul piano dei risultati.

"Un po' tutti abbiamo sottovalutato questa pandemia e quello che ci ha creato con 21 giocatori contagiati. Devo fare i complimenti a tre persone: al dottor Tambellini e allo staff sanitario che ci hanno guidato in questo delicato frangente, al diesse Deoma, a cui arrivano critiche che sono legittime se sono sul piano professionale ma non su quello della persona, soprattutto se fatte dietro una tastiera, e devo, per ultimo ma non ultimo, fare i complimenti a mister Lopez che quando è arrivato si è trovato otto giocatori soltanto da allenare, ma ha messo un impegno e una professionalità non comuni. Oltretutto Lopez è una grande persona che ha come noi il minimo comune denominatore di volere bene alla Lucchese".

A Pontedera c'è stato qualche segnale di risveglio: è la strada giusta?

"Vedo la squadra vogliosa di fare bene per quello che può dare e chi dà il 110 per cento merita sempre rispetto. Dobbiamo fare gruppo, non parlare di mercato e arrivare uniti alle feste di Natale".

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


sabato, 6 marzo 2021, 12:38

Arriverà mai la svolta?

Alla vigilia del match casalingo con il Pontedera, la Lucchese si trova ancora una volta a caccia dei tre punti che mancano ormai da tempo e che sono indispensabili per alimentare le speranze salvezza: mister Lopez intenzionato a rilanciare dal primo minuto Zennaro. La probabile formazione


venerdì, 5 marzo 2021, 15:25

Zennaro torna titolare?

Nella gara interna contro il Pontedera, il centrocampista potrebbe ritrovare una maglia da titolare, mentre in difesa vanno capite le condizioni di Panariello, che difficilmente rientrerà, con quattro giocatori che si giocano tre posti



venerdì, 5 marzo 2021, 13:09

Pontedera, una formula di sicuro successo

La vittoria contro la Pistoiese ha portato i granata a quota 41 punti e ormai la salvezza è stata conquistata: è chiaro che i granata mirano ad ottenere un posto nei playoff potendo ancora migliorare la propria classifica e, per l'ennesima volta, dare vita a un campionato importante


giovedì, 4 marzo 2021, 16:54

E se la svolta arrivasse dall'utilizzo di un diverso modulo?

In certi frangenti della partita perché non passare ad un 4-3-3 con due ali larghe ed una punta centrale in grado di creare la superiorità numerica sugli esterni? Osare di più non vuol dire andare allo sbaraglio ma solo cercare soluzioni alternative per essere più imprevedibili e pericolosi, perché la...