Matches

La Lucchese non decolla

domenica, 10 novembre 2019, 17:33

di diego checchi

Una partita strana, dove la Lucchese è partita in maniera contratta e che si è fatta intimorire da un Verbania che è venuto a giocarsi la partita, soprattutto nel primo tempo quando è andata anche in vantaggio. La Lucchese, per i primi 33 minuti, ha fatto male, poi si è svegliata ed è riuscita a creare gioco, pervenendo al pareggio con un euro-gol di Fazzi su cross di Vignali. Quello che è mancato oggi è stato un po’ di ritmo nella prima frazione di gioco e, soprattutto, i movimenti della punta centrale Bitep, che purtroppo è andato quasi sempre a sbattere contro i difensori centrali avversari. L’impegno per lui non è mai mancato, ma deve migliorare tanto a livello tattico. Anche Remorini e Nannelli non hanno dato grande incisività in avanti ed ecco le difficoltà che ha avuto la Lucchese a creare azioni da gol.

È vero, nel secondo tempo i rossoneri hanno sempre tenuto in mano il pallino del gioco, ma hanno obbiettivamente impegnato poco il portiere avversario e quindi il risultato di parità è quello più giusto. Teniamoci questo punto e andiamo a vincere a Seravezza, consapevoli che non bisognerà sbagliare l’approccio alla partita e che comunque ci sono state delle buone cose anche oggi da cui ripartire.

Andando alla cronaca della partita, la prima occasione è stata per gli ospiti con Austoni che ha impegnato Coletta con un colpo di testa. Lo stesso Austoni ha portato in vantaggio i suoi al 28’ con una bella inzuccata da sottomisura sulla sponda di Colombo, pescato in area da un lancio lungo di Musso. I rossoneri hanno trovato il pareggio con Fazzi al 37’ ben imbeccato da Vignali. Nella ripresa, al 13’, si è reso ancora pericoloso Fazzi quando ha calciato al volo dal limite sulla ribattuta del portiere, che però è stato bravo a deviare la conclusione in angolo. Al 37’ Tarantino ha impegnato Russo con una gran botta da fuori.

Lucchese – Verbania 1 – 1 

 Lucchese: 1 Coletta, 2 Papini, 3 Pardini (36’ st 16 Lucarelli), 4 Cruciani, 5 Benassi, 6 Ligorio, 7 Nannelli (22’ st 19 Tarantino), 8 Fazzi, 9 Bitep, 10 Vignali (14’ st 20 Gueye), 11 Remorini (30’ st 18 Panati). A disposizione: 12 Fontanelli, 13 Lici, 14 Meucci, 15 Nolè, 17 Presicci. Allenatore: Monaco.

Verbania: 1 Russo, 2 Fortis, 3 Panzani, 4 Piraccini, (47’ st 14 Corio) 5 Pezzati, 6 Gatti, 7 Lonardi, 8 Musso, 9 Austoni (37’ st 18 Ibe), 10 Sadouk, 11 Colombo (30’ st 20 Gambino). A disposizione:(12 Strola, 13 Margaroli, 15 Ramponi, 16 Bottazzi, 17 Manti, 19 Perucchini. Allenatore: Galeazzi. 

Arbitro: Sig. Marangone di Udine.

Assistenti: Sig. De Vito di Napoli e Sig. Porcu di Oristano.

Note. Ammoniti: 23’ pt Pezzati (V), 39’ st Piraccini (V), 48’ st Sadouk (V). Angoli: 6 – 4. Spettatori un migliaio di cui circ 300 paganti.

Reti: 28’ pt Austoni (V), 37’ pt Fazzi (L)

 


Altri articoli in Matches


domenica, 17 novembre 2019, 17:40

Un pari che somiglia a una sconfitta

La Lucchese fa 2-2 a Seravezza: dopo essersi portata in vantaggio per due reti, la squadra di Monaco si chiude, commette errori individuali e prende due gol egli ultimi 25 minuti di gara. Davvero una vittoria buttata. Il Seravezza sbaglia anche un rigore. Commento, tabellino e foto


domenica, 3 novembre 2019, 18:06

Ardore, sacrificio e sofferenza

Una Lucchese combattiva e arcigna riesce a battere fuori casa il Prato (1-0) grazie a una rete di Cruciani. Ripresa di grande sofferenza con i lanieri che vanno più volte vicini al pari ma trovano uno strepitoso Coletta. Commento, tabellino e foto



domenica, 27 ottobre 2019, 17:32

Finalmente gioco e vittoria

I rossoneri battono 2-0 il Fossano grazie a una buona prestazione coronata dai gol di Cruciani (su rigore) e Benassi. Vignali e Remorini spaccano la partita. Ora sono attesi dal big match con il Prato. Commento, tabellino e foto


domenica, 20 ottobre 2019, 18:46

L'impegno non basta per trovare i tre punti

Ancora uno 0-0 e chiare difficoltà in avanti: c’è bisogno di un’inversione di tendenza da parte della squadra e soprattutto di vittorie, se si vuole restare attaccati al treno che conta, altrimenti si rischia un campionato nell’anonimato. Commento, tabellino e foto