Mondo Pantera

Pacini: "Società, c'è troppa improvvisazione"

sabato, 12 agosto 2017, 15:32

di fabrizio vincenti

E' un semplice socio, ormai. Niente più incarichi in Lucca United, la cooperativa dei tifosi rossoneri. Ma la Lucchese la segue, eccome. In tasca, come tanti, già l'abbonamento per la prossima stagione, ma Piero Pacini non rinuncia certo a dire cosa pensa del mondo Lucchese. Più di una cosa non gli torna. E lo dice, senza tanti giri di parole. 

"E' lampante ci siano difficoltà in società, a maggior ragione una campagine allargata come l'attuale che però, economicamente, ha poche carte che valgono come un carico di briscola. Mi pare che per l'ennesima volta la società è in mano a una sola persona che la fa da padrone". 

I nuovi ingressi latitano.

"Non ci sono, dobbiamo dirlo chiaramente. Ai primi dell'anno fu nominato Carlo Bini, una persona di grande simpatia umana, come amministratore: doveva rimanere poco tempo. Sono passati otto mesi è sempre lì. Si parlò di 4-5 nuovi ingressi anche importanti: a oggi siamo a zero".

Che futuro intravede nella Lucchese?

"La vedo nebulosa, ci sono due certezze: il tecnico, preparato e serio, come il direttore sportivo. Il resto mi pare improvvisazione, basti pensare a quanto fatto allontanando un dirigente valido dal settore giovanile come Massimo Indragoli, ogni anno si cambia, non è possibile. Per quanto riguarda i soci, mi pare che Zappelli e Campani abbiano esperienza e visione, gli altri mi sembrano solo tifosi con intenti lodevoli".

E la squadra?

"Per le disponibilità su cui si poteva contare, mi pare sia stata allestita in modo intelligente, poi, come sempre, conterà il campo". 

Che umore si respira tra chi segue la Lucchese?

"C'è  un po' di preoccupazione".

Eppure la campagna abbonamenti sta andando bene.

"Vero, ma con queste proposte quasi omaggio, mi pareva il minimo. L'abbonamento rischia di costare quanto due pizze e una birra". 

La terza divisione continua a arrancare: esclusioni, ripescaggi, problemi economici, penalizzazioni.

"Nel calcio servono tre componenti: passione, competenza e denaro. Il calcio italiano, in generale,  è in grave ritardo. Cito per esempio il fatto che squadre del livello della Roma non abbiano uno sponsor sulla maglia: è il segno della difficoltà. Quanto alla Lega Pro, ha cambiato nome ma i problemi restano. La terza serie ha una sola possibilità: trasformarsi e qualificarsi attraverso il settore giovanile, l'unico modo per chi, come anche Lucca, ha tradizione ma non risorse". 



Altri articoli in Mondo Pantera


mercoledì, 25 maggio 2022, 12:19

117 anni di Lucchese, i tifosi comprano una pagina di giornale

Giornata di festa per i tifosi rossoneri, quella del 25 maggio, che coincide con l'atto di nascita della società nell'ormai lontano 1905. Per celebrare l'avvenimento, Lucca United ha deciso di acquistare una intera pagina de La Nazione, con scritto: "25 maggio 1905, 117 anni di Lucchese, di passione per te"...


martedì, 24 maggio 2022, 16:47

Marchio della Lucchese, Lucca United disponibile al comodato ma non alla cessione

La cooperativa dei tifosi, che ha rilevato il marchio dal secondo fallimento e impedito ci finisse con il terzo, dice no alla richiesta di vendita avanzata dalla società: "Totale disponibilità a concedere l'uso del marchio e del logo in comodato d'uso gratuito, come da contratto già stipulato ed in corso...



lunedì, 23 maggio 2022, 11:06

Curva Ovest, per gli "old fans" è record d'età

Tra le otto squadre che partecipavano al torneo di calcetto a 5 organizzato per la festa della Curva Ovest e in particolare dal gruppo Q.B.R. alla Checchi Calcio, c’erano gli Old Fans e la curiosità è che se sommiamo l’età di tutti i componenti della squadra, arriviamo ad ottenere 268...


domenica, 22 maggio 2022, 18:50

Curva Ovest, ecco la festa

Vecchi e nuovi tifosi della curva si sono ritrovati alla Checchi Calcio per la festa della Curva Ovest organizzata dal gruppo QBR: i ragazzi si sono sfidati in un torneo di calcetto a 8 squadre e poi, alcuni di loro, hanno proseguito i festeggiamenti con una cena.