Mondo Pantera

Castagnoli, l'opinion leader, è sicuro: "La pratica stadio va avanti speditamente"

martedì, 26 maggio 2020, 18:36

di diego checchi

Giulio  Castagnoli opinion leader della trasmissione Curva Ovest di Noitv è un fiume in piena, ha voglia di parlare di Lucchese: "Ii 4 dell'Ave Maria come amo dedfinirli io prendendo spunto da un film western hanno fatto un capolavoro. Non era facile far partire una squadra da zero e riportare il calcio a Lucca dopo il terzo fallimento  vincendo poi anche il campionato. Il presidente Bruno Russo, il direttore generale Mario Santoro , il direttore sportivo Daniele Deoma e l'amministratore delegato Alessandro Vichi hanno fatto veramente delle grandi cose. E' vero la squadra non era partita bene, nelle prime gare avevamo una preparazione atletica pessima ma è logico che fosse così perchè siamo partiti in ritardo, questi dirigenti sono stati bravi a proteggere lo staff tecnico nei momenti di grande difficotà e a non ascoltare per niente quello che veniva scritto sui social, i risultati poi si sono visti e sono sotto gli occhi di tutti. Merito a Monaco e al suo staff perchè sono riusciti ad amalgamare un gruppo di ragazzi che ha dato sempre il massimo in campo; adesso non resta che aspettare la ratifica del consiglio federale per essere veramente certi della promozione". 

E poi? 

"Poi ci sarebbe da festeggiare, purtroppo non abbiamo potuto farlo sul campo per via di questa emergenza riguardante il virus ed è per questo che non abbiamo finito nemmeno il campionato ma in qualche modo la promozione va onorata e festeggiata". 

Parlando di futuro, ripartirebbe senza dubbio da Mister Monaco? 

"Assolutamente sì, non vedo perchè dovrebbe accadere il contrario, chi vince il campionato deve avere sempre la chanche di misurarsi con quello dell'anno dopo e così deve accadere anche per Monaco, la stessa cosa accadde anche con Pagliuca e poi vi dirò di più: Monaco nel corso della sua carriera ha fatto più campionati professionistici che dilettanti e sa come si salvano le squadre. Da quello che leggo credo che la società voglia puntare su un manipolo di giovani che abbiamo già in casa e poi prenderne qualche altro di valore, mantendo poi l'ossatura dei giocatori esperti di questa stagione e integrandoli con qualche altro giocatore di categoria e sono convinto che la Lucchese potrà far bene anche in serie C".

Questa società può aprire un ciclo dopo tanti anni tribolati da parte di Lucca sportiva? 

"Certo queste persone sono serie e riprendo il motto che ama ripetere sempre Daniele Deoma:  la Lucchese può anche retrocedere ma con noi non fallirà mai. Questo va a testimonianza che questi personaggi non faranno il passo più lungo della gamba e vi spiego perchè questa società può aprire un ciclo: due componenti ci sono già e cioè le capacità tecniche di queste persone e il fatto che ognuna di loro sia legata a doppio filo al calcio rossonero per vari motivi; la terza componente sarà la ristrutturazione dello stadio, se andrà in porto come sono convinto questa situazione la Lucchese avrà un futuro roseo per tanti anni". 

A proposito di stadio, l'iter burocratico per dare il via anchea questo importante capitolo per i colori rossoneri? 

"Anche su questo argomento la città di Lucca può stare tranquilla, ho parlato con chi di dovere e siamo nei tempi tecnici, non c'è nessun rallentamento, le procedure viaggiano in maniera spedita". 

Nel calcio si parla tanto di riforme.

"Le riforme vanno fatte ma vanno sapute prima di inziare i campionati, adesso non ci sono i tempi tecnici per modificare il format e sono contrario anche ad una sorta di C2 con un campionato semi professionistico, spero che almeno per quest'anno le regole rimangano le stesse degli ultimi annni e che ci sia una C unica". 

E i tifosi?

"I tifosi hanno fatto il 200% e lo stanno ancora facendo con iniziative benefiche per l'ospedale San Luca. Io credo che siamo state una delle migliori tifoserie della serie d e questo vuol dire già tanto. Voglio fare due auspici: il primo è che da settembre o da ottobre si possa tornare a tifare negli stadi e che questo virus sia definitivamente sconfitto, il secondo è quello di poter recuperare quelle 2000/2500 persone che si sono distaccate per le gestioni scellerate che ci sono state negli ultimi anni qui a Lucca".


Altri articoli in Mondo Pantera


sabato, 4 luglio 2020, 18:11

I tifosi scalpitano: "Serve tornare a veder rotolare il pallone"

E' davvero troppo che i supporter rossoneri non possono gioire e tifare per la Lucchese. Mesi e mesi senza gare, in attesa della decisione della Figc e di una stagione che si preannuncia solo a partire da agosto, se tutto andrà bene: le testimonianze


martedì, 23 giugno 2020, 08:30

Anche la serranda è rossonera

Realizzato uno splendido gagliardetto "old style" sulla serranda di un immobile in via San Nicolao. Un capolavoro pittorico, l'ennesimo, per festeggiare la ritrovata Serie C. E per ricordare che la Lucchese è nel cuore di tanti



venerdì, 19 giugno 2020, 12:45

Doppia festa per i rossoneri

Duplice festa per la Lucchese: prima al Nicola's Pub di San Concordio organizzata dai sostenitori rossoneri che frequentano il locale capitanati da Giuliano Centoni, da sempre amante dei colori rossoneri, poi nell'affascinante cantina della Fattoria Il Poggio è stata invece la location della cena celebrativa


domenica, 7 giugno 2020, 15:31

Nel segno dell'8 giugno: ecco la diretta Facebook

Da un 8 giugno a un altro: Gazzetta Lucchese sarà impegnata dalle ore 15 in una maratona sul canale Facebook che vedrà protagonisti, con interviste e collegamenti, tanti volti del calcio rossonero di ieri e di oggi