Porta Elisa News

Del Prete (commissario giudiziale): "Serve si palesino i soggetti altrimenti non si va da nessuna parte"

martedì, 11 giugno 2019, 12:10

Claudio Del Prete, il commissario giudiziale nominato dal tribunale di Lucca per gestire la proposta di concordato preventivo che riguarda la Lucchese chiede di agire. E in fretta. Se i compratori ci sono, si palesino, altrimenti l'epilogo, non ci vuol molto a capirlo, sarà un altro. 

"Mi sono sentito con l'avvocato Massone, servono nuovi passi ora che la salvezza sportiva è stata raggiunta, bisogna che capire se c'è spazio per la salvezza della società. Vanno scoperte le carte. Ho pregato l'avvocato affinché solleciti questi imprenditori. mi ha assicurato che entro 24-48 usciranno fuori: c'è solo da attendere per capire".

Nel frattempo ha effettuato delle operazioni?

"Ho sollecitato, dopo averlo concordato, un chiarimento alla Lega Pro per la vicenda debiti/crediti nei loro confronti, visto chei numeri ballano. Attendo una risposta dalla Lega".

Che tempi prevede?

"Stretti, ovviamente: va chiarito".

Quanto all'eventuale passaggio di proprietà lei è coinvolto a qualche titolo nelle sue vesti di commissario giudiziale?

"No, riguarda chi ha delle quote, non c'è nessun controllo, visto che non si parla di beni della società".

Nei giorni scorsi l'avvocato Massone ha parlato di pagamenti, effettuati nel febbraio scorso, che lui non avrebbe fatto.

"Ho letto, l'esame non l'ho ancora fatto. Sono atti che in caso di falllimento potrebbero essere revocati se c'è stata una lesione del diritto dei creditori. Chiaro che se sono stati pagati i calciatori non c'è lesione, per altri vedremo".

Cosa è stato depositato al 31 maggio come richiesto dalla Lega Pro?

"E' stata presentata una situazione patrimoniale al 31 marzo che ovviamente non ha gli indici in linea con quanto richiesto, è stato fatto quello che si poteva fare visti i tempi". 

Eventuali casi di mala gestio da chi potrebbero essere sollevati?

"Dipende: in caso di fallimento sarà il curatore fallimentare, dovesse andare in porto il concordato dall'assemblea dei soci che proseguirà la gestione". 

Molti tifosi sono preoccupati che la parte degli adempimenti legati al Porta Elisa non venga rispettata.

"E' un altro problema in fase di iscrizione, potrebbe essere necessario giocare qualche gara lontano da Lucca, ma il problema principale oltre al  via libera dalla Lega Pro è capire cosa fa chi compra dopo l'iscrizione per dare seguito al concordato. Serve che si palesino i soggetti, altrimenti non si va da nessuna parte". 

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


lunedì, 27 gennaio 2020, 17:44

Niente più scherzi, grazie

Lucchese a due volti, quella vista con il Ghiviborgo. Quella del primo tempo impacciata, lenta e in balia di un Ghiviborgo più frizzante e con la voglia di aggredire da subito l'avversario, nella ripresa ha alzato il baricentro e sono arrivati i cross giusti prima per Iadarestae poi per Nolè...


domenica, 26 gennaio 2020, 17:06

Iadaresta: "Dobbiamo acquisire consapevolezza"

L'attaccante rompe il digiuno: "Una grande gioia mista a rabbia, la rabbia perché noi dobbiamo essere sempre la squadra del secondo tempo". Nolé: Ho avuto una opportunità e ci ho provato, quando ho visto che non si muoveva mi sono buttato ed è andata bene"



domenica, 26 gennaio 2020, 16:49

Deoma: "Mercato? Siamo vigili"

Daniele Deoma, in sala stampa, commenta la partita, ma parla anche del mercato che è a pochi giorni dalla chiusura: "Può accadere di tutto, siamo vigili in entrata, mentre in uscita ci sono una decina di giocatori richiestissimi, ma non ci muoveremo. Se c'è la possibilità dobbiamo provare a rinforzarci.


domenica, 26 gennaio 2020, 16:38

Mister Lavezzini: "Peccato per il rigore"

Rino Lavezzini, tecnico del Ghiviborgo, risultato a parte, è soddisfatto. Ha finalmente visto una reazione da parte dei suoi: "Partita strana, se facevamo il rigore era diverso, il primo tempo fatto con una squadra come la Lucchese mi fa ben sperare: ci possiamo salvare"