Porta Elisa News

Massone: "Josef Ferrando nuovo proprietario della Lucchese"

mercoledì, 12 giugno 2019, 21:24

Entro 48 ore da lunedì, e 48 ore sono passate. Qualcosa si è mosso, secondo quanto riferisce l'avvocato Angelo Massone che ha curato la domanda di concordato preventivo e che è socio in affari di Enrico Ceniccola. Massone oggi era a Lucca dove si è incontrato con i soggetti che avevano manifestato interesse a rivelare la Lucchese. Non sono mancate le novità.

"Si è raggiunto un accordo con Josef Ferrando un imprenditore che ha due aziende, a Roma e Milano, da circa 40 milioni complessivi di fatturato nel settore della plastica. Subentrerà a Castelli per un euro, ho già avvertito il commissario giudiziale".

Non dovevano essere più di una le aziende?

"Ferrando, che è originario di Lucca e ha aziende a Milano e Roma, doveva essere affiancato da altre realtà locali ma hanno preferito garantire sponsorizzazioni".

C'è già qualcosa di scritto?

"C'è un precontratto a cui seguirà un contratto legato all'iscrizione".

Chi pagherà per l'iscrizione?

"Chi ha acquistato, ovviamente".

Ha precedenti nel mondo del calcio?

"Nessuno, di nessun genere: non è mai stato accostato al calcio".

Lo conosceva?

"Sì, anche Ceniccola ma né io né Ceniccola siamo interessati a entrare e non c'entra nulla nemmeno l'avvocato Coscia per essere chiari: è una operazione in totale discontinuità".

Se è completamente a digiuno di calcio da chi si farà affiancare?

"Sicuramente proverà a ripartire da chi ha centrato un risultato sportivo importante e immagino collocherà una persona di sua fiducia".

Quali sono i prossimi passi?

"Ci dobbiamo concentrare sugli adempimenti da fare, i tempi sono stretti, mi preoccupa la questione stadio, ma una soluzione verrà trovata: nè probabile che la Lucchese se riusciremo a centrare l'iscrizione giochi alcune gare lontano dal Porta Elisa".

 

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


lunedì, 27 gennaio 2020, 17:44

Niente più scherzi, grazie

Lucchese a due volti, quella vista con il Ghiviborgo. Quella del primo tempo impacciata, lenta e in balia di un Ghiviborgo più frizzante e con la voglia di aggredire da subito l'avversario, nella ripresa ha alzato il baricentro e sono arrivati i cross giusti prima per Iadarestae poi per Nolè...


domenica, 26 gennaio 2020, 17:06

Iadaresta: "Dobbiamo acquisire consapevolezza"

L'attaccante rompe il digiuno: "Una grande gioia mista a rabbia, la rabbia perché noi dobbiamo essere sempre la squadra del secondo tempo". Nolé: Ho avuto una opportunità e ci ho provato, quando ho visto che non si muoveva mi sono buttato ed è andata bene"



domenica, 26 gennaio 2020, 16:49

Deoma: "Mercato? Siamo vigili"

Daniele Deoma, in sala stampa, commenta la partita, ma parla anche del mercato che è a pochi giorni dalla chiusura: "Può accadere di tutto, siamo vigili in entrata, mentre in uscita ci sono una decina di giocatori richiestissimi, ma non ci muoveremo. Se c'è la possibilità dobbiamo provare a rinforzarci.


domenica, 26 gennaio 2020, 16:38

Mister Lavezzini: "Peccato per il rigore"

Rino Lavezzini, tecnico del Ghiviborgo, risultato a parte, è soddisfatto. Ha finalmente visto una reazione da parte dei suoi: "Partita strana, se facevamo il rigore era diverso, il primo tempo fatto con una squadra come la Lucchese mi fa ben sperare: ci possiamo salvare"