Porta Elisa News

Del Prete (curatore fallimentare): "Si dovranno ricostruire le ragioni del dissesto, anche andando indietro nel tempo"

lunedì, 1 luglio 2019, 17:55

di fabrizio vincenti

Sarà Claudio Del Prete, proprio il commercialista che a giugno era stato investito del compito di svolgere il ruolo di commissario giudiziale nella richiesta di concordato, a essere il curatore fallimentare della As Lucchese Libertas srl. Una scelta da molti attesa, visto che Del Prete aveva avuto modo in queste settimane di entrare nei meccanismi e nelle problematiche aziendali, puntualmente confermato dal giudice del tribunael di Lucca. Da oggi inizia però un'altra storia, con Del Prete che sarà chiamato a raccogliere tutte le poste attive a disposizione per poi distribuirle tra i tanti creditori della Lucchese nei prossimi mesi. L'udienza per l'esame dello stato passivo, ovvero per capire chi ha diritto a vantare crediti, sarà nel febbraio del 2020. Da qui a allora, però, saranno tante le cose da mettere a punto. 

"E' una vicenda dolorosa e complicata con passaggi che dovremo ricostruire da punto di vista amministrativo e contabile: va capito come siamo arrivati al fallimento".

Dovrà mettere mano alla contabilità.

"Certamente, è un capitolo importante: si dovrà ricostruire le ragioni del dissesto. Mi risulta che l'ultima ricapitalizzazione sia stata a dicembre scorso, prima dell'arrivo dei nuovi proprietari. Da lì dovremo capire le eventuali responsabilità, ma si può andare a ritroso nel tempo per capire se le responsabilità gestionali non dovesse riguardare solo l'ultimo periodo. Del resto, negli ultimi due anni le vicissitudini sono state tante. Va capito se i debiti risalgono all'ultima gestione o vengono da più lontano".

Dunque non avete un orizzonte temporale definito.

"Si può andare a ritroso di anni: c'è da capire quando la Lucchese ha iniziato a soffrire e se tutto è stato condotto secondo le regole".

Quali le prime mosse?

"Intanto devo vedermi con Aldo Castelli per il passaggio formale di tutto quanto riguarda la Lucchese, poi dovrò provare a raccogliere tutte le poste attive, a partire dai crediti ulteriori in Lega, circa 100mila euro oltre a quelli versati nei giorni scorsi. In questo senso chiederò un incontro con l'ufficio legale della Lega Pro. Ovviamente da oggi tutti i giocatori sono svincolati e i contratti vengono meno. Ci sarà anche da liquidare alcuni beni mobili di proprietà, che in prima battuta tenterò di vendere alla nuova società rossonera se sorgerà, come per esempio dei veicoli. Non fosse possibile, ci muoveremo tramite l'Istituto vendite giudiziarie".

I tempi per l'esame dello stato passivo sono lunghi: l'udienza è stata fissata nel febbraio 2020.

"Putroppo il tribunale ha troppe procedure da smaltire, i tempi sono questi". 

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


giovedì, 6 agosto 2020, 20:14

Santoro: "Micheloni non sarà lo SLO della Lucchese"

Il direttore generale conferma che verrà individuata una persona diversa da quella richiesta della Curva Ovest, a cui chiede altri nomi, per gestire i rapporti con i tifosi. Potenziata l'area marketing e comunicazione. Sulla chiusura degli stadi: "Assurdo si possa andare al bar o al cinema non allo stadio: prematuro...


giovedì, 6 agosto 2020, 12:34

Un anno fa la ripartenza sul campo della Lucchese

Un sole torrido come quello di oggi, un manipolo di giocatori in prova e tanta buona volontà: il sogno che partiva proprio oggi, alle ore 16.30 dallo stadio Porta Elisa quando Monaco dette il fischio d’inizio e ci trovammo davanti tante facce sconosciute, ma non tutte



mercoledì, 5 agosto 2020, 16:46

Lucchese, asse di mercato con il Pisa?

I rossoneri sembrano interessati a più di un giocatore in uscita dal Pisa. I nomi sono quelli del difensore destro Eros Pisano, del portiere Andrea D’Egidio, del terzino Tommaso Fischer e del centrocampista Marco Pompetti


mercoledì, 5 agosto 2020, 07:40

Santoro: "La Lucchese giocherà al Porta Elisa"

Lo conferma il direttore generale rossonero: "Tutta presentata la documentazione per l'iscrizione: la squadra giocherà nel nostro stadio, eventualmente anche in notturna. Ci stiamo attrezzando anche per i seggiolini in gradinata, ma dobbiamo capire quale sarà la capienza per le normative anti Covid"