Porta Elisa News

Nicholas Guidi: "Un dispiacere non poter giocare al Porta Elisa"

giovedì, 12 settembre 2019, 14:07

di diego checchi

Per lui la partita di domenica sarà una grande emozione perché Nicholas Guidi è diventato calciatore proprio con la maglia della Lucchese e adesso l’affronterà da avversario come giocatore tra i più esperti del Real Forte Querceta.

Che partita sarà quella di domenica prossima?

“Innanzitutto diversa da quella di Coppa perché ricordo che il 18 agosto scorso la gara fu condizionata dal grande caldo e dai carichi di lavoro che avevano le due squadre. È stata una gara lenta e compassata dove la Lucchese è riuscita a portare a casa il passaggio del turno. Adesso tutte e due le squadre stanno meglio e sarà una gara vera sotto tutti i punti di vista”.

Qual è l’obiettivo del Real Forte Querceta?

“Voglio fare una premessa: lo scorso anno abbiamo fatto un campionato strano pur essendo una buona squadra perché siamo partiti male e ci sono stati dei problemi che non ci hanno fatto esprimere al meglio. Il nostro primo obiettivo di quest’anno è raggiungere la salvezza il prima possibile e poi, magari, divertirci un po’ per vedere dove potremo arrivare”.

Che cosa ne pensa di questa Lucchese?

“A Lucca ho tanti amici e sono grato a queste persone che hanno fatto rinascere il calcio in una città dove ho lasciato il cuore dopo l’ennesimo fallimento. Ho vissuto in prima persona quello del 2008 e vi assicuro che è stata una sensazione veramente brutta. A Lucca ci sono persone molto serie come Deoma, il dottor Tambellini, il massaggiatore Vannucchi e il professor Guidi. Tutte persone che hanno fatto e stanno facendo la storia della Lucchese. Per quanto riguarda i giocatori conosco molto bene Benassi, Visibelli e Vignali. L’acquisto di Benassi è stato un grande colpo”.

Che ricordi ha di Lucca?

“Tanti, a Lucca sono diventato calciatore, ci sono stato dal 1996 fino al 2008 con l’intermezzo di due anni al Cuoiocappiano in Serie D e in C2 e quindi una vita per quanto riguarda il calcio. L’unico dispiacere è quello di non poter giocare al Porta Elisa, avrei voluto tornare allo stadio di Lucca dato che è uno dei più belli della Serie D. Un peccato dover giocare da un’altra parte”.

Quanta voglia ha ancora di giocare a calcio?

“Ho 36 anni e qualche volta anche qualche acciacco fisico, ma finché mi diverto e sto bene nello spogliatoio, continuerò. Certo non andrò avanti fino a 40 anni. Penso a far bene quest’anno, poi tireremo una linea e vedremo il da farsi. Mi piacerebbe giocare anche il prossimo”.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


lunedì, 24 febbraio 2020, 18:27

Ufficiale: Fossano-Lucchese rinviata

Non sarà disputata la gara prevista in Piemonte domenica prossima a seguito dell'emergenza legata al Coronavirus. Al momento sono state rinviate le gare in programma in Piemonte, Liguria e Lombardia. Si attendono notizie per la Toscana


domenica, 23 febbraio 2020, 16:59

Iadaresta decisivo ancora una volta

Il centravanti realizza un altro gol pesante, Cruciani lotta su ogni pallone, Nannelli spina nel fianco, pesa l'espulsione, per quanto dubbia, di Papini: le pagelle di Gazzetta



domenica, 23 febbraio 2020, 16:49

Nannelli: "Tre punti fondamentali"

L'esterno che ha scodellato la palla per il gol di Iadaresta fa i complimenti ai compagni: "Anche se eravamo in dieci mi rendevo conto che la squadra c'era ed ero sicuro che avremmo fatto gol. Chi è entrato dopo come Bitep ha fatto bene"


domenica, 23 febbraio 2020, 16:43

Gallotti: "La Lucchese merita il primo posto"

Andrea Gallotti, allenatore-giocatore per la squalifica del tecnico Cesa, riconosce i meriti dei rossoneri: "La Lucchese merita il primo posto, ha fatto una in dieci per lungo tempo ma sono stati davvero bravi. Forse qualche episodio dubbio, anche verso la fine gara, ci attendono nove finali"