Porta Elisa News

Monaco: "Bisogna invertire la rotta"

sabato, 12 ottobre 2019, 12:55

di diego checchi

Mister Monaco è stato chiaro: domani bisogna invertire la rotta e bisogna che tutti diano di più, perché sarà fondamentale vincere. Il tecnico ha fatto capire che potrebbe cambiare anche il modulo di gioco, passando al 3-5-2.

“Questa dovrà essere la partita della svolta, ma devo dire che tutte le settimane i ragazzi si sono sempre allenati bene. Diciamo che le defezioni hanno responsabilizzato il gruppo, soprattutto quelli che hanno giocato di meno. È una partita importantissima ma dobbiamo affrontarla con serenità, consapevoli del fatto che a parte la Sanremese nessuno ci ha messo in difficoltà. È vero che i risultati non sono arrivati e dobbiamo fare meno errori, alla squadra ho detto che il 100% che abbiamo fatto fino ad ora evidentemente non basta, bisogna dare di più”.

Sembrerebbe che gli errori li pagherà il portiere?

“La società mi ha messo a disposizione un nuovo portiere e probabilmente sarà in campo domani, ma gli errori li ha fatti lui come tutti quanti. Ho parlato con il nuovo arrivato, l’anno scorso ha vinto il campionato con il Picerno giocando 22 partite e si è allenato fino alla settimana scorsa con una squadra di Eccellenza in Lazio”.

Certo è una situazione anomala con tre portieri over…

“Lo sappiamo, è ovvio che con un giovane in porta hai spazio per un vecchio in mezzo al campo. Evidentemente non è stato trovato un portiere giovane all’altezza della situazione”.

Com’è la situazione degli infortunati?

“Meucci e Nolè, Remorini sono fermi mentre Tarantino ha recuperato e sarà convocato come pure Nannelli. Lici e Bartolomei sono a posto, si sono allenati tutta la settimana con la squadra, chiaramente sono fuori da un mese e mezzo e gli mancherà il ritmo partita”.

Con tutte queste assenze dovrà cambiare modulo?

“Abbiamo provato un nuovo schema di gioco, io non sono fissato con gli schemi, lavoro con i giocatori che sono a disposizione e posso cambiare sia in base ai ragazzi che in base alle situazioni, se le cose non vanno bene si può cambiare”.

Cosa ci dice degli avversari?

“Abbiamo visto qualche spezzone di partita, è una squadra esperta che cambia spesso metodo di gioco. Ha alcuni giocatori importanti come Tripoli o Vita, ex Luchese che ho allenato quando era alla Carrarese. È una buona squadra on tanti ex professionisti, una rosa costruita per fare bene. Ma come al solito dipende da noi, se entriamo con la giusta concentrazione e limitiamo gli errori abbiamo tutte le possibilità di vincere”.

 Si aspettava un campionato così?

“È un campionato molto equilibrato e la classifica è sempre corta. Siamo solo all’inizio e non c’è una squadra che ha preso il largo, noi dobbiamo invertire la rotta ma non dobbiamo buttare il cappello per aria come diceva l’Omone, nulla è ancora compromesso”.



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


venerdì, 21 febbraio 2020, 18:53

Ligorna, una squadra che non ha certo mollato

La formazione genovese ha solo 22 punti, frutto di 4 vittorie, 10 sconfitte e 10 pareggi, ma gli ultimi risultati hanno dato una spinta importante con un pareggio con il Borgosesia e la vittoria nello scontro diretto con il Vado.


venerdì, 21 febbraio 2020, 18:45

Si ferma Bartolomei: formazione in alto mare

Il difensore esterno classe 2001 è rimasto a casa per un attacco influenzale e sembra difficile un suo possibile recupero. Le alternative sono principalmente due: il classe 2002 Lorenzo Pardini, che andrebbe ad occupare il suo stesso ruolo, oppure Matteo Panati, che però è un esterno d'attacco



giovedì, 20 febbraio 2020, 17:42

Monaco inizia a provare le soluzioni in difesa

Dopo la squalifica di Benassi, il tecnico prova varie soluzioni nel reparto arretrato: Ligorio schierato con Papini, ma in ballo per un posto ci sono anche Matteoni e non è da escludere anche l'arretramento di Meucci. Lici e Gallon lavorano a parte


giovedì, 20 febbraio 2020, 14:42

115 anni della Lucchese, Barsanti: "Il Comune si muova per la targa di fondazione"

Nel giugno dell'anno scorso il consiglio comunale ha approvato la mozione del consigliere Fabio Barsanti, che chiedeva di realizzare una targa in memoria della fondazione della Lucchese. Una targa da sistemare dietro il coro di San Michele, dove il 25 maggio del 1905 nacque il calcio a Lucca, ma ancora...