Porta Elisa News

Impianti di carburante in sciopero da mercoledì: "Da soli non possiamo più assicurare il servizio"

martedì, 24 marzo 2020, 14:31

Gli impianti di rifornimento carburanti cominceranno a chiudere da mercoledì notte: prima quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali;  poi tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria. Lo affermano in una nota Faib Confesercenti, Fegica Cisl, Figisc/Anisa Confcommercio. “In un Paese che, malgrado i limiti strutturali e l’assoluta drammaticità della situazione, cerca e spesso trova il modo per far scattare meccanismi di solidarietà – si legge in una nota –  c’è una categoria di persone, oltre 100.000 in tutta Italia, che, senza alcuna menzione, ha finora assicurato, senza alcun sostegno né di natura economica, né con attrezzatura sanitaria adeguata, il pubblico servizio essenziale di distribuzione di energia e carburanti per il trasporto di beni e persone. 100.000 persone che hanno continuato a fare il loro lavoro (ridotto mediamente dell′85%) a rischio della propria incolumità e mettendo in pericolo la propria salute, presidiando fisicamente il territorio, rimanendo dove sono sempre state e dove ogni cittadino di questo Paese è abituato a trovarle ogni giorno, vale a dire in mezzo alla strada.  E forse, proprio per questa ragione, queste 100.000 persone risultano essere letteralmente invisibili, presenza data per scontata, indegna persino di quella citazione che di questi tempi non si nega a nessuno”.

"Noi, da soli, – prosegue la nota – non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio. Di conseguenza gli impianti di rifornimento carburanti semplicemente cominceranno a chiudere: da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali; e, via via,tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria. Correremo il rischio dell’impopolarità e dei facili strali lanciati da comode poltrone, ma davvero non abbiamo né voglia, né la forza per spiegare o convincere delle solari ragioni che ci sostengono. Chi volesse approfondire può chiedere conto a Governo, concessionari autostradali, compagnie petrolifere e retisti indipendenti: a ciascuno di essi compete fare per intero la propria parte se si vuole assicurare la distribuzione di benzina e gasolio”



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


mercoledì, 12 agosto 2020, 17:53

Ufficiale: Convitto è un giocatore della Lucchese

Il neo acquisto classe 1996 ha sottoscritto un biennale: "Sarei voluto venire già a dicembre ma il Licata non mi ha fatto andare. Volevo fare una esperienza lontano dalla Sicilia e ho scelto Lucca"


martedì, 11 agosto 2020, 19:24

Una stagione che nasce tra mille incertezze

Quali restrizioni avrà e quando potremo ritornare a vedere un pallone che rotola sui campi di calcio? La Lucchese dovrebbe cominciare ad allenarsi la prossima settimana con allenamenti individuali dato che dovrà fare una serie di tre tamponi e poi, dal 25, Monaco potrà avere tutto il gruppo a disposizione



martedì, 11 agosto 2020, 11:03

Monaco: "Spero nella riapertura degli stadi come è avvenuto per spiagge e locali"

Il tecnico rossonero sta definendo con il suo staff la ripresa degli allenamenti: "Con il professor Guidi abbiamo messo a punto un programma per tutti i giocatori rimasti dallo scorso anno che stanno già lavorando individualmente. Dovremo cercare di valorizzare i nostri ragazzi e quelli che arriveranno"


lunedì, 10 agosto 2020, 20:27

L'addio di Nolé: "Non vi potrò mai dimenticare"

Lo storico capitano rossonero saluta tutta la famiglia rossonera con un post commovente e pieno di significato attraverso la sua pagina Facebook: "I sei anni trascorsi nella Lucchese sono stati per me i più belli e gratificanti della mia carriera.