Porta Elisa News

Il gruppo Scali si tira indietro: "Impossibile prendere una decisione immediata"

sabato, 9 luglio 2022, 17:40

Marcia indietro o, perlomeno, motori fermi: Nicky Scali, l'imprenditore calabro-australiano che da circa quattro mesi tratta per rilevare la Lucchese e che non aveva fatto avere notizie alla società dopo che ieri quest'ultima aveva accordato altre 24-48 come termine ultimo per la conclusione, si è fatto vivo con una lettera alle redazioni dei giornali. In essa, sostanzialmente si sfila. 

"Gli obbiettivi del mio gruppo – si legge – con questo progetto è sempre stata quella di investire nel club in modo che possa svilupparsi in una delle squadre più conosciuto in Italia, fornendo stabilità finanziaria mentre sviluppando giocatori giovani, con l'obiettivo di portare eventualmente la squadra in una divisione superiore, che è meritevole della città e della gente di Lucca. Sulla base dell'attuale situazione del club, per raggiungere gli obiettivi è necessario un investimento significativo sia immediatamente che per un lungo periodo di tempo, che richiedono grandi risorse finanziarie. Il tempo necessario per fare un'analisi completa dello stato finanziario attuale e a breve termine del club insieme a un solido piano aziendale è stato molto breve data la vicinanza della prossima stagione".

"Sfortunatamente – prosegue – il breve lasso di tempo dedicato all'analisi insieme al clima economico e geopolitico sempre più instabile e incerto sia in Europa che nella regione Asia-Pacifico, ha reso impossibile per il gruppo di investimento prendere una decisione immediata sull'acquisto del club.  Anche se questo non significa che non siano pronti a perseguire il progetto, è necessario molto più tempo per analizzare e pianificare sia le esigenze finanziarie immediate, a medio e lungo termine del club che un piano aziendale dettagliato e strutturato, incluso lo sviluppo del nuovo stadio. Una corretta e solida progettazione è fondamentale per garantire il futuro successo della Lucchese. Con i preparativi per la nuova stagione che iniziano eminentemente, riconosciamo che il club non può più aspettare questa decisione.

"Il mio gruppo vorrebbe augurare al club buona fortuna nell'immediato futuro – conclude – e spero che possiamo continuare a perseguire questo progetto mentre il club continua a operare nel suo formato attuale. L'attuale gruppo dirigente ei direttori della Lucchese hanno compiuto notevoli sacrifici e si sono dedicati per garantire la sopravvivenza e la continuazione della Lucchese. Meritano il sostegno di tutto la gente di Lucca e dei tifosi Lucchese. La Città di Lucca, i lucchesi e i tifosi lucchese meritano un investimento a lungo termine attentamente pianificato, solido e stabile nel club per il futuro e speriamo un giorno di farne parte".




Altri articoli in Porta Elisa News


sabato, 24 settembre 2022, 17:16

Lucchese-Rimini: 2-1 al 47' st Accorcia Santini

Sotto una pioggia insistente, rossoneri a caccia di punti dopo lo stop di Fiorenzuola. Mister Maraia conferma Quirini e Semprini e rilancia Mastalli dal primo minuto. Bianchimano sblocca in avvio di gara, Mastalli raddoppia con un siluro a fine primo tempo


venerdì, 23 settembre 2022, 17:04

Riprendere subito il cammino, senza incertezze

La Lucchese, reduce dalla seconda sconfitta del campionato, affronta al Porta Elisa un Rimini in gran forma. Maraia intenzionato a tornare al 3-5-2 e che deve fare a meno di Franco, Coletta e Pirola. La probabile formazione



venerdì, 23 settembre 2022, 12:51

Maraia: "Ho chiaro quale modulo utilizzare, e stavolta non cambierò tanti giocatori"

Il tecnico in conferenza stampa alla vigilia del match con il Rimini: "Ha qualità per poter fare un campionato importante, inoltre gli stanno girando tutte le situazioni a favore, cosa totalmente diversa rispetto a noi che dobbiamo cambiare questa tendenza. Bianchimano tornerà titolare"


giovedì, 22 settembre 2022, 15:33

Verso la gara con il Rimini: tutte le opzioni di mister Maraia

Il tecnico sta vagliano le soluzioni in vista della gara di sabato: Franco non recupererà in tempo, c'è de decidere chi lo sostituirà ma anche se la difesa sarà schierata a tre o quattro e chi giocherà in attacco. Tanti i rebus