Rubriche : romanzo rossonero

Inferno

giovedì, 10 ottobre 2019, 16:36

di simone pellico

La serie D porta emblematicamente l’iniziale di Dante. Ogni squadra del girone partecipa alla Commedia, ed è chiaro che non si sta parlando dei canti del Paradiso. “Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate”, è scritto sulla porta di ogni stadio in cui si va senza un Virgilio che spieghi come andrà a finire. La Lucchese rotola nel girone infernale A, e dopo la sconfitta di Casale sta quasi in bocca a Lucifero.

Dopo il limbo del fallimento, l’interregno dove i rossoneri hanno interrogato il proprio teschio, il passaggio in purgatorio sembra essere stato breve. Più breve di quanto all’inizio temuto, di quanto ora sperato. La sconfitta di Casale segna la crepa sul pavimento in cui la Pantera rischia di cadere in un nero più nero del proprio manto.

La Lucchese gira come una pallina sulla roulette. Rosso e nero. Gira fra i cerchi e i gironi, fra le bolge e le zone. Lussuria, Gola, Avarizia, Ira, Accidia e poco Gioco. Eresia, Violenza, Fraudolenza, Tradimento e tanta Pazienza. I numeri sulla roulette sono quelli dei punti raccolti divisi per le partite giocate. Dei gol fatti e dei gol subiti. Della media dei voti dei giocatori. Dei rigori. Degli spettatori. Delle promesse. 

In questa caduta ci si aggrappa alle pareti con le mani. Sono le mani dei tifosi. Mani alzate nel coro. Le mani che applaudono, le mani che fremono. Le mani sul megafono sulla balaustra. Il richiamo della curva. Le mani in tasca nervose. Le mani di braccia conserte. Mani stanche, spellate dall’applauso per uno spettacolo triste. Le mani dei giocatori. Mani disperate sulla testa. Mani alzate, in area come resa. Mani strette alle maglie degli avversari. Mani che chiedono scusa. Mani che applaudono i tifosi o mani che sbeffeggiano. 

Provare a ritornare a veder le stelle è un atto di fede. La fede si rafforza nelle difficoltà, ma il nutrimento non può essere solo il pane nero della guerra. Il ferro del filospinato e il freddo dell’inverno. La fede si aggrappa alla prora in attesa della terra, del miraggio a cavallo sulla linea dell’orizzonte. Serve una squadra, serve un gioco, serve una prospettiva. Serve una chiesa dove il fuoco trovi la forma del rito. Il Porta Elisa sembra l’unica cosa in movimento. L’unico punto fermo per chi crede.



prenota questo spazio dim. 520px X 120px

Altri articoli in Rubriche


lunedì, 24 febbraio 2020, 09:20

Rassegna stampa: una vittoria sofferta quanto importante

Tre punti, quelli contro il Ligorna, arrivati dopo una gara in inferiorità numerica e in mezzo a molte difficoltà ma che permettono di rimaere in testa alla classifica e confermano il carattere dei rossoneri come si legge dai commenti e dalle interviste dei giornali in edicola


martedì, 18 febbraio 2020, 11:55

Odio ergo sum

Ogni volta che qualcuno esce dal 'sonno della ragione' in cui i menestrelli del potere hanno congelato la già scarsa vivacità intellettuale e polemica lucchese, il personaggio verso cui è indirizzata la critica o il contraddittorio perde le staffe e vive l'episodio come un atto di lesa maestà



lunedì, 17 febbraio 2020, 09:49

Rassegna stampa: di nuovo al comando

Tre punti preziosi, quanto sofferti, quelli di Savona, che riportano in vetta la Lucchese grazie a ua prestazione davvero di caratttere, nonostante l'inferiorità numerica, come si legge dai commenti e dalle interviste dei giornali in edicola.


martedì, 11 febbraio 2020, 08:17

Buon viaggio Lido

Tra aneddoti, racconti e ricordi che da quando si è diffusa la triste notizia della sua scomparsa stanno affollando la mente di chiunque lo abbia conosciuto e gli abbia voluto bene, vogliamo immaginarlo ancora e sempre lì, in quell’angolo del Porta Elisa dove si sentiva ed era a casa