Porta Elisa News

Del Prete, commissario giudiziale: "E' necessario accorciare i tempi"

mercoledì, 22 maggio 2019, 15:26

di fabrizio vincenti

E' una bella gatta da pelare, per quanto nella sua carriera professionale non gli siano mancate, a partire dal fallimento dell'Eurosak di Porcari. Claudio Del Prete, commercialista nonché amministratore unico di Lucca Holding, la cassaforte delle aziende partecipate dal Comune di Lucca, ha accettato l'incarico di commissario giudiziale proposto dal tribunale nella richiesta di concordato preventivo con riserva presentato dall'avvocato Massone per conto dell'attuale proprietario della Lucchese. Del Prete avrà poteri meno incisivi rispetto a quelli del curatore fallimentare, svolgendo funzioni di coordinamento e controllo su tutta l'attività svolta dal debitore, collaborando con quest'ultimo nella gestione dell'attività di impresa e nell'esecuzione degli obblighi concordatari e dovrà riferire al giudice delegato le omissioni, le mancanze e le violazioni eventualmente riscontrate.

"Ho accettato l'incarico – spiega – dovrò vigilare e controllare sulla proposta formulata dalla società per uscire dalla crisi. Dovranno, entro 60 giorni, mettere nero su bianco come intendono fare".

I termini, però, rischiano di essere eccessivi viste le scadenze per l'iscrizione al prossimo campionato che sono prima di fine giugno.

"E' un percorso accidentato e dovrà essere tenuto conto di quelle scadenze per cercare di arrivare a un risultato in tempi più brevi".

Il concordato può essere interrotto?

"I tempi vanno accorciati, altrimenti è una situazione difficilmente recuperabile. C'è uno spiraglio, ma vanno vanno limati i tempi anche per capire se siamo in presenza di manovre dilatorie per evitare il fallimento, e in quel caso ne dovrò riferire".

Controllerà anche le scritture contabili.

"Certamente: dovranno essere depositate. Prima cosa è però importante vedere il percorso che intendono fare".

Quando si incontrerà con i responsabili della società?

"La prossima settimana per conoscere modi e tempi con cui vogliono procedere".

Il rimborso ai creditori è legato a una percentuale?

"No, trattandosi di una soluzione in continuità non è fissata una percentuale minima di rimborso, ma i creditori dovranno, attraverso un'assemblea, come sempre, dare il loro consenso nella misure superiore al 50 per cento del valore dei crediti". 

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


venerdì, 20 settembre 2019, 17:40

Porta Elisa, si lavora per garantire la riapertura per la prossima gara

Lunedì il sopralluogo della commissione di vigilanza che dovrebbe dare il via libera per l’omologazione dello stadio. La capienza della tribuna sarà di soli 100 posti e anche quella della gradinata sarà ridotta. Rossoneri che dalla prossima settimana si trasferiranno per gli allenamenti all'Acquedotto


giovedì, 19 settembre 2019, 19:03

Monaco resta a carte coperte

Contro gli juniores della Lucchese, il tecnico non fa trasparire quale sarà la formazione anti-Ghiviborgo per non vuole dare vantaggi agli avversari e allora ha mischiato le carte. La certezza è che Nannelli non ha giocato la partitella e pare essere in forte dubbio



mercoledì, 18 settembre 2019, 17:57

Nannelli ai box: è in dubbio per domenica

L'attaccante continua a risentire della botta rimediata domenica scorsa. Tutto ok invece per Lucarelli, che ha lavorato con il gruppo, come pure Presicci, che ha superato l'attacco influenzale


mercoledì, 18 settembre 2019, 08:11

Del Prete (curatore fallimentare): "I problemi della Lucchese sorgono prima della cessione a Castelli"

Il curatore fallimentare della Lucchese Libertas 1905 chiede più tempo esaminare la situazione: "C'è molto da dire sull'agonia della Lucchese, qualche danno è stato fatto. E' una situazione complessa, la Guardia di Finanza si era attivata già da prima del fallimento, nel dicembre scorso"