Porta Elisa News

La replica di Obbedio: "Stanchi dei discorsi, facciano i fatti"

venerdì, 14 giugno 2019, 18:34

di fabrizio vincenti

Antonio Obbedio non perde tempo e risponde per le rime alle affermazione dell'avvocato Massone che in una intervista rilasciata al nostro quotidiano nella quale ha paventato l'ipotesi che si sia qualcuno che voglia far fallire la Lucchese. Un'accusa nemmeno tanto velata a lui, che è in ferie, e alla segretaria generale Ghilardi, che si è appena dimessa. 

"Non c'è nessun complotto, assolutamente. E' facilissimo salvare la Lucchese: basta saldare gli stipendi da gennaio a maggio e i contributi da novembre scorso, basta presentare una fideiussione e adempiere alle altre richieste. Non c'è nessun complotto e nessuno può impedire alla proprietà di salvare il club. Ad oggi non è stato versato un centesimo da questo presunto compratore, né mi ha mai contattato. Ci siamo stancati di chiacchiere, servono i fatti".

Le è stata mossa anche la critica sull'opportunità di andare ora in ferie.

"Allora, intanto sono un direttore sportivo e non mi occupo di certe questioni, anche se mi sono dovuto inventare giardiniere e magazziniere. Sono tre anni che non faccio ferie, a Lucca ho una casa in affitto che mi costa pur non percependo stipendio in ogni caso ho il cellulare acceso 24 ore al giorno, se serve".

Che tipo di proposta le è stata fatta dall'avvocato Massone in merito al credito che vanta per gli stipendi?

"Non posso entrare nei dettagli, se dovesse non essere centrata l'iscrizione e si tentasse di far ricadere su di noi la responsabilità, replicherò".

Qual è il futuro di Antonio Obbedio?

"A oggi nulla, ho un contratto con la Lucchese per un altro anno, dunque dovesse fallire avrei anche quel danno e sarei a quel punto disoccupato, ma dopo aver indossato questa maglia, esserne stato il capitano e esser stato direttore per anni non voglio sentire certe affermazioni".

 



caffè bonito

Altri articoli in Porta Elisa News


lunedì, 27 gennaio 2020, 17:44

Niente più scherzi, grazie

Lucchese a due volti, quella vista con il Ghiviborgo. Quella del primo tempo impacciata, lenta e in balia di un Ghiviborgo più frizzante e con la voglia di aggredire da subito l'avversario, nella ripresa ha alzato il baricentro e sono arrivati i cross giusti prima per Iadarestae poi per Nolè...


domenica, 26 gennaio 2020, 17:06

Iadaresta: "Dobbiamo acquisire consapevolezza"

L'attaccante rompe il digiuno: "Una grande gioia mista a rabbia, la rabbia perché noi dobbiamo essere sempre la squadra del secondo tempo". Nolé: Ho avuto una opportunità e ci ho provato, quando ho visto che non si muoveva mi sono buttato ed è andata bene"



domenica, 26 gennaio 2020, 16:49

Deoma: "Mercato? Siamo vigili"

Daniele Deoma, in sala stampa, commenta la partita, ma parla anche del mercato che è a pochi giorni dalla chiusura: "Può accadere di tutto, siamo vigili in entrata, mentre in uscita ci sono una decina di giocatori richiestissimi, ma non ci muoveremo. Se c'è la possibilità dobbiamo provare a rinforzarci.


domenica, 26 gennaio 2020, 16:38

Mister Lavezzini: "Peccato per il rigore"

Rino Lavezzini, tecnico del Ghiviborgo, risultato a parte, è soddisfatto. Ha finalmente visto una reazione da parte dei suoi: "Partita strana, se facevamo il rigore era diverso, il primo tempo fatto con una squadra come la Lucchese mi fa ben sperare: ci possiamo salvare"