Porta Elisa News

Nuovo Porta Elisa, Russo: "Diventerà un punto di orgoglio per la città"

lunedì, 7 giugno 2021, 19:38

Passerella di politici, imprenditori e vecchie glorie rossonere per la presentazione ufficiale del progetto di rifacimento dello stadio Porta Elisa, un vero e proprio show presentato da Laura Maccioni con circa duecento presenti. Si sono ritrovati in tanti, dentro la chiesa di San Francesco, per la prima del progetto su cui si fondono tutte le speranze di rilancio del gruppo dirigente della Lucchese che era ovviamente al completo: da Bruno Russo a Daniele Deoma, da Mario Santoro a Alessandro Vichi, a Gabriele Baraldi. Ma, come detto, tanti i presenti per quello che tutti si augurano sia il primo passo verso il recupero e la modernizzazione dello storico impianto cittadino il cui progetto è stato depositato in Comune nei mesi scorsi. Presenti, tra gli altri, il sindaco Alessandro Tambellini, l'assessore allo Sport Stefano Ragghianti, i consiglieri comunali Fabio Barsanti e Lucio Pagliaro, il presidente del consiglio comunale Francesco Battistini, il presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, l'assessore regionale Stefano Baccelli. Tanti anche gli esponenti del mondo dell'industria e del commercio e dell'associazionismo, tra cui il finanziere internazionale Joel Esciua che nei mesi scorsi era stato accostato alla Lucchese, il presidente di Confcommercio Rodolfo Pasquini e la presidente dei Lucchesi nel Mondo Ilaria Del Bianco; nutrita anche la rappresentanza del mondo del calcio, che ha visto Francesco Ghirelli, presidente di Lega Pro, l'ex presidente rossonero Aldo Grassi, l'ex segretario Fabio Bonelli e gli ex giocatori rossoneri Massimo Morgia e Lucio Nobile. Spazio anche alla cantante Ilaria Della Bidia che ha incantato con alcuni brani del suo repertorio.

"Stasera è il risultato di un lavoro di due anni – ha esordito il presidente Bruno Russo appena è sfumata la canzone sulle Pantere rossonere che non ha mai entusiasmato, è un eufemismo, i tifosi – cercavamo un'impresa per la ristrutturazione dello stadio e l'Aurora Immobiliare, con il loro progetto per lo stadio di Frosinone, ci è sembrata l'azienda giusta. I suoi dirigenti si sono dimostrati sin da subito i partner ideali: il risultato del genere non era scontato, visto lo scetticismo, se avremo il nuovo Porta Elisa è perché si sono coalizzate tanti imprenditori ma soprattutto Luca Gelli. Anche le istituzione, dal sindaco Tambellini ai consiglieri di opposizione e dagli uffici comunali: tutti si sono impegnati in un'operazione complessa come questa. Sono convinto che lo stadio diventerà un punto di orgoglio per la città e potrà ospitare manifestazioni sportive di alto livello. Con Aurora abbiamo subito chiarito che del progetto dovevano fare parte le imprese lucchesi. Mi spiace che a questo straordinario progetto non ci sia stata la salvezza della squadra, ma posso garantire che faremo tutto il possibile per essere riammessi in categoria e altrimenti allestiremo una squadra super competitiva. E' un progetto ambizioso, ma senza strutture il calcio non si può sviluppare: è un'occasione incredibile per l'amministrazione e per la città, non la possiamo perdere perché la burocrazia è complicata".

"Ringrazio i nostri tifosi – ha aggiunto l'amministratore delegato Alessandro Vichi – è una giornata storica per Lucca ma anche per la Toscana e per il mondo sportivo italiano: non ci sono tante città riuscite a portare avanti un progetto di questo livello. Resterà nella storia, al di là dell'aspetto sportivo che un anno può andare bene e uno meno bene. Quando siamo entrati nel luglio del 2019 al Porta Elisa abbiamo trovato le ceneri, abbiano ricostruito la società, senza tesserati, ora in due anni siamo riusciti in due anni a ricostruire una società importante e un settore giovanile altrettanto importante. Sono due anni dove ci sarebbe da scrivere un libro ma non è la giornata adatta: oggi si parla del nuovo progetto Porta Elisa".

"Il progetto un po' lo conoscevamo – ha commentato il sindaco Alessandro Tambellini – stasera abbiamo colto i particolari, iniziamo presto la conferenza dei servizi. Siamo molto ben impressionati dal progetto che ridà una grande qualificazione a uno stadio così glorioso, chiaro che un'operazione del genere non può andare che di pari passo con un progetto sportivo. Il progetto del nuovo stadio ha anche caratteristiche sociali, chiaro che se si parla di commerciale, meno si interseca con l'esistente, meglio è. Siamo una pubblicazione amministrazione e dobbiamo percorrere il percorso, tuttavia saremmo molto molto felici se arrivassimo alla realizzazione. Importante è che il percorso sia fatto nella chiarezza e nei tempi che sono richiesti e nel rispetto delle norme e siamo convinti sia anche il desiderio per chi ci ha proposto il progetto".

"Devo fare i complimenti per questa tappa non è un traguardo ma una tappa – ha commentato il presidente della Provincia Luca Menesini –  questo p un progetto in linea con i tempi è un progetto che vuole restituire lustro a una storia grande come quella della Lucchese. Dobbiamo ritrovare tutti insieme l'entusiasmo per scrivere altre pagine di storia".

"Devo fare i complimenti per la presentazione – ha aggiunto Stefano Baccelli, assessore regionale – non era facile realizzare una bella opera architettonica. Dobbiamo essere concreti e portare a casa il risultato, questo è un buon calcio d'inizio".

"La Lucchese fa parte della mia Lega Pro – ha aggiunto il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli – questo è un progetto che fa bene al Paese, state progettando e indicando la via, solo le grandi società stanno pensando ai nuovi stadi. Sono qui a Lucca, giovedì sarò a Francavilla e sono stato a Leffe e Avellino. Da qui a qualche giorno, intorno al 22 giugno, presenteremo il lavoro che abbiamo fatto che riguarderà gli stadi italiani, la riconversione ecologica, la digitalizzazione. Questo è lo stadio che apre spazi a queste questioni e apre lo spazio alla questione della sostenibilità economica del calcio. Vengo dai play off dove finalmente ho risentito i canti dei tifosi, la normalità. La Toscana per il calcio italiano è luogo di formazione e purtroppo è stata un'annata difficile per tante squadre. Questo progetto mette insieme storia, calcio, socialità: mi auguro, io che in questa città sono stato come ricorderete in momenti critici e vi va riconosciuto che avete risollevato il club da una situazione difficilissima, mi auguro di avervi presto tra noi, ora".

"E' un punto di arrivo e di partenza – ha aggiunto l'assessore allo Sport Stefano Ragghianti – sentiamo lo stacco tra una serata come questa e la storia degli ultimi dieci anni calcistici a Lucca: questo scarto va colmato e che abbiamo davanti una strada diversa. E' un percorso molto complicato e difficile, non sappiamo quali tempi e modi abbiamo davanti. Abbiamo una disciplina speciale che resta comunque una disciplina complessa che prevede sette passaggi, il cui primo sarà la prossima settimana, a fronte di molti meno passaggi negli altri paesi d'Europa".

"Sono molto emozionato",  ha aggiunto il direttore generale Mario Santoro, mentre insieme alle autorità ha scoperto il plastico con il modellino del nuovo Porta Elisa, l'atto finale di una presentazione che è andata avanti per circa un'ora e trenta.



Altri articoli in Porta Elisa News


domenica, 13 giugno 2021, 13:13

Le prime parole di Pagliuca: "Per me è un sogno"

Il neo tecnico della Lucchese: "Sono felicissimo anche perché ho visto la determinazione della società a mantenere o riportare la Lucchese nei professionisti, daremo tutti il massimo per raggiungere gli obiettivi che ci porremo. I tifosi ci daranno tanto entusiasmo"


sabato, 12 giugno 2021, 14:01

Riecco Pagliuca, viaggio tra i pregi e i difetti di un allenatore che lascia il segno

Il nuovo tecnico della Lucchese Guido Pagliuca è una vecchia conoscenza rossonera ed è molto amato dai tifosi che ricordano ancora l'impresa di Correggio: ecco gli alti e i bassi della carriera di un allenatore con un caratteraccio ma che fa giocare bene le sue squadre



sabato, 12 giugno 2021, 12:10

Ufficiale: Pagliuca torna sulla panchina della Lucchese

L'allenatore del trionfo di Correggio che riportò la squadra in C nel 2014 torna sulla panchina rossonera per la prossima stagione: è la stessa società a annunciarlo attraverso i proprio canali social


venerdì, 11 giugno 2021, 19:23

Santoro: "Faremo domanda di ripescaggio, riammissione quasi impossibile"

Il direttore generale rossonero fa il punto sulle possibilità di arrivare a un ripescaggio: "Riammissione praticamente impossibile, per il ripescaggio presenteremo domanda, ma tutto dipende da quante formazioni dovessero essere bocciate dalla Covisoc. Nella graduatoria delle formazioni di C siamo al primo o al secondo posto"